MONNET

Concerti

Come tutte le sue creazioni, i Concerti di Marc Monnet colgono di sorpresa… perchè non si appoggiano mai su dei punti di riferimento acquisiti o su delle regole largamente ammesse. Marc Monnet preferisce l’ignoto, si lascia ispirare dagli shock che gli hanno provocato la danza di Merce Cunningham, il cinema di Jean-Luc Godard o i testi d’Antonin Artaud. Ecco da dove viene questo stile inimitabile, sempre rinnovato, che cerca le sensazioni nuove e un virtuosismo quasi sperimentale. Il tutto con uno spirito a volte provocatore che gioca con le nostre aspettative per meglio sviarle. Gli interpreti di questa registrazione (Tedi Papavrami, François-Xavier Roth, Marc Coppey, Christian Arming) sono gli amici del compositore: conoscono tanto l’uomo che lo stile. Un sentimento di libertà totale si sprigiona dalla loro interpretazione completamente al servizio di una visione integrata del solista e dell’orchestra. Il primo non è opposto alla seconda, ma i due rinforzano l’interdipendenza della loro libertà.

Questo disco ha ricevuto il Grande premio dell’Accademia Charles Cros nell’ottobre 2017.

Mouvements, imprévus, et … pour orchestre, violon et autres machins

SWR Sinfonieorchester Baden-Baden und Freiburg – François-Xavier Roth, direzione

Tedi Papavrami, violino

1. Mouvements, imprévus et…

Sans mouvement, sans monde pour violoncelle et orchestre

Orchestre Philharmonique Royal de Liège – Christian Arming, direction

Marc Coppey, violoncelle

2. Ersatz (1)

3. Esquisse (1)

4. Premier mouvement

5. Esquisse (2)

6. Deuxième mouvement

7. Intermède solo

8. Ersatz (2)

9. Troisième mouvement

10. Ersatz (3)

11. Quatrième mouvement

Durée totale : 61’50”