CHARLES IVES

Liana Gourdjia, violon / Matan Porat, piano

Sonate per violino e pianoforte

« Libero di comporre la musica che nessuno deve suonare »: il compositore americano Charles Ives (1874-1954) si è in questi termini compiaciuto di non dipendere da nessuno, di concepire un linguaggio intenzionale senza precedenti… Gli interpreti sono in sintonia con questa libertà, tra il violino sottile e lirico della russa Liana Gourdjia ed il pianoforte potentemente costruito dell’israeliano Matan Porat. Meno conosciute che queste vaste pagine sinfoniche, le suonate di Charles Ives danno un concentrato di fragilità coniugata con una potenza d’ispirazione. Il fatto di riunirli in una stessa registrazione permette di coglierne l’assoluta originalità, come un diario che percorre la sua vita. Liana Gourdjia e Matan Porat interpreteranno le suonate di Charles Ives in concerto il 28 marzo 2019, nel quadro del Festival della Primavera delle Arti di Montecarlo.

Sonate n°3
1. Adagio
2. Largo d’après les ragtime pieces
3. Adagio cantabile d’après un prélude pour orgue de 1901

Sonate n°1
4. Andante – Allegro
5. Largo cantabile
6. Allegro

Sonate n°2
7. Autumn : Adagio maestoso – Allegro moderato : Sur le thème his exaltation repris dans les songs
8. In The Barn – Presto – Allegro moderato
9. The Revival – Largo – Allegretto

Sonate n°4
10. Allegro
11. Largo : sur le thème Yes, Jesus Loves Me
12. Allegro : sur le thème Shall We Gather at the River ?

Durata : 73’16”